Autore Topic: Mi presento: Noemi da Palermo  (Letto 587 volte)

Offline Noemi93

  • Nuovo utente
  • *
  • Post: 3
Mi presento: Noemi da Palermo
« il: Agosto 15, 2020, 13:37:59 Sab »

Ciao a tutti, sono Noemi e vengo da Palermo.
Prima di tutto grazie infinitamente per aver accettato la mia iscrizione.
Mi trovo qui a scrivere non per me ma per il mio fidanzato,Federico,un ragazzo di 22 anni.
È iniziato tutto il 30 luglio 2020, quindi pochi giorni fa.
Ci trovavamo in vacanza e una notte intorno alle 2.30 gli è venuto un forte mal di testa. Forte a tal punto da voler prendere un oki (cosa strana in quanto Fede non è solito prendere farmaci e anzi mi rimprovera sempre perché li prendo).
Il dolore prendeva solo il lato destro del cranio. Poco dopo aver preso l’antidolorifico si è ripreso e si è addormentato. Due/ tre giorni dopo il mal di testa si è ripresentato per due giorni di seguito. Ma passava prendendo l’Oki.
Dopo questi primi 3 mal di testa siamo andati dal nostro medico di famiglia,che ha diagnosticato emicrania e ha prescritto degli integratori  da prendere a pranzo e cena e il difmetrè da prendere quando insorgeva il mal di testa. Nei giorni successivi il dolore si è ripresentato , colpendo sempre il lato destro , l’occhio destro e provocando naso chiuso e un leggero fastidio alla luce. Una di queste volte uno degli attacchi gli è passato starnutendo (molto strano). Gli attacchi continuavano ,non tutti i giorni ma quasi , così abbiamo subito fatto una visita dall’otorino ,pensando potesse essere sinusite (escludendola), e una visita dal neurologo che ha diagnosticato CEFALEA A GRAPPOLO e dicendo di prendere l’Oki quando arriva un attacco.
Dal primo episodio di mal di testa del 30 luglio ho tenuto un diario degli attacchi:

30 luglio 2.00
3 agosto
4 agosto
7 agosto
8 agosto
9 agosto 15.00
10 agosto 20.00
12 agosto 2.30
13 agosto 14.30
14 agosto 23.55

Fede mi ha detto che il dolore sembra diminuire , ovvero gli ultimi tre attacchi che ha avuto non sono dolorosi come erano all’inizio ma sono leggermente fastidiosi . Oki e Tachipirina però sembrano comunque non fare più effetto.
Ora abbiamo prenotato una nuova visita il 25 agosto con un altro neurologo , faremo a breve una risonanza e il 20 ottobre invece abbiamo appuntamento al centro cefalee di Palermo.
Il mio ragazzo è iper nervoso , in quanto si sente molto limitato da quando è arrivato questo mal di testa. Siamo usciti pochissimo . Non beve . Non fuma. È molto irascibile. Ha la sensazione di non poter essere se stesso e svolgere le normali attività che faceva prima.  Ha un po’ di ansia e la sensazione che il mal di testa possa tornargli da un momento all’altro.
Io invece sono molto preoccupata perché ho letto un po’ di questa patologia in giro e mi spaventa molto . Qualcuno di voi può dirmi che ne pensa ? O se avete qualche consiglio da dare per non prendere farmaci ...
Insomma tutto quello che può essere utile e soprattutto se pensate che possa essere questa patologia o no in base alle vostre esperienze.
Grazie in anticipo . :)

Offline luca68

  • Amministratore
  • Utente beato
  • ******
  • Post: 1.899
Re:Mi presento: Noemi da Palermo
« Risposta #1 il: Agosto 16, 2020, 01:34:27 Dom »
Ciao Noemi,
non siamo soliti a fare diagnosi, anzi, da sofferenti ce ne guardiamo bene dal farlo, lasciamo che siano gli specialisti a farlo.
Certo che è strano che un neurologo diagnostichi una cefalea a grappolo e prescriva oki....mmmmh...lascia dei forti dubbi.
Benissimo fate a tenere un diario, ogni sintomo, trigger o episodio che possa collegarsi agli attacchi sarà utile in sede della prossima visita.
Speriamo che sia più accurata e, nel caso venga confermata la diagnosi, gli venga prescritta almeno una cura sintomatica adeguata. L'oki non lo è di certo.
State sereni, cercate di non vivere con ansia questi giorni, da come hai descritto gli episodi, ci sono buone probabilità che si tratti di un'altra forma di cefalea.

Poi, nel caso venga confermata la diagnosi, non disperate, noi siamo qui e non è così terribile come può sembrare. 

Un abbraccio forte

Luca68
Luca Marchisio
CONSIGLIERE OUCH Italia (onlus)
Cell. +39348/9006208   e-mail  luca.m@ouchitalia.net

Offline Noemi93

  • Nuovo utente
  • *
  • Post: 3
Re:Mi presento: Noemi da Palermo
« Risposta #2 il: Agosto 17, 2020, 01:25:35 Lun »
Ciao Luca grazie mille per la risposta.
Anche io credo sia strano che il neurologo abbia prescritto in quanto leggendovi ho capito non essere una cura adatta a questa forma di cefalea.!
Comunque scusami , rileggendo ciò che ho scritto nella presentazione mi rendo conto che può sembrare che io abbia mancato in qualche modo di rispetto a voi sofferenti definendomi molto preoccupata  :( mi scuso immensamente se posso aver dato questa impressione o se posso essere sembrata insensibile  , mi sono solo un po’ spaventata leggendo le esperienze di alcuni e non avendo mai avuto a che fare con questa forma di cefalea non so cosa aspettarmi.
Grazie ancora per la risposta ❤️

Offline Bacca bianca

  • Socio Ouch
  • Utente esperto
  • ******
  • Post: 332
  • ...e infine uscimmo a riveder le stelle
Re:Mi presento: Noemi da Palermo
« Risposta #3 il: Agosto 17, 2020, 12:09:33 Lun »
Ciao Noemi, non ti devi scusare, quando ci si deve confrontare con qualcosa di sconosciuto e doloroso è normale preoccuparsi. Oltretutto noi sofferenti di ch abbiamo imparato a non fare caso alle reazioni degli altri, sappiamo di essere incompresi, a volte anche dalle persone che ci sono più vicine. Ecco perché esiste questa solidarietà tra noi, perché ci capiamo, sappiamo bene di cosa stiamo parlando.
Il caso del tuo fidanzato, come ti ha già scritto Luca, va senz'altro inquadrato e definito meglio; le crisi di ch non passano con gli antidolorifici "normali",meno che mai con uno starnuto. Hanno un andamento abbastanza definito e ripetitivo con risvolti riconoscibili pur nella soggettività della malattia. Sarebbe interessante capire se il Difmetre lo ha assunto, e se sì con che beneficio. Se è emicrania una certa efficacia ce l'ha, anche se non è specifico e può creare problemi.
Insomma, prima di pensare alla cefalea a grappolo ci sono altre diagnosi più probabili che un neurologo bravo che segue queste patologie è senza dubbio in grado di riconoscere e indirizzarvi per una cura efficace.
Se poi il verdetto sarà quello di ch se ne riparlerà.
Un'ultima considerazione. Fa bene il tuo ragazzo ad essere diffidente sull'utilizzo dei farmaci, tieni però presente che molte persone non li prendono con leggerezza (io tra queste) ma con coscienza. Chi non ha mai sperimentato il dolore a volte crede che basta sopportare; che chi non lo fa sia un debole. Purtroppo non sempre è così, a volte nella vita ci si trova a fronteggiare delle condizioni che mai avremmo immaginato e soffrire inutilmente non serve a nulla. Anzi, può peggiorare la qualità della vita sensibilmente. Non è un invito a prendere pasticche, anzi, ma a non essere prevenuti su niente e cercare con serenità quello che ci può fare stare meglio.
Fateci sapere come procede.
Un saluto
Carlo Toscan
ginmao@libero.it

Offline Noemi93

  • Nuovo utente
  • *
  • Post: 3
Re:Mi presento: Noemi da Palermo
« Risposta #4 il: Agosto 17, 2020, 12:41:33 Lun »
Ciao bacca bianca!
Grazie per la risposta!
Si il mio ragazzo ha assunto difmetrè quando gli è stato prescritto ed effettivamente gli faceva passare gli attacchi. Anche se ci voleva un po’ .
Con Tachipirina o oki invece era quasi immediata la ripresa. Però non sempre , dipendeva dal giorno e dall’intensità del dolore .
Adesso aspettiamo la visita con il prossimo neurologo sperando sia più attento del precedente.
Anzi se c’è qualcuno di Palermo che può consigliarmi un bravo neurologo in città mi faccia sapere .
Grazie in anticipo ❤️

Offline luca68

  • Amministratore
  • Utente beato
  • ******
  • Post: 1.899
Re:Mi presento: Noemi da Palermo
« Risposta #5 il: Agosto 17, 2020, 15:10:07 Lun »

Comunque scusami , rileggendo ciò che ho scritto nella presentazione mi rendo conto che può sembrare che io abbia mancato in qualche modo di rispetto a voi sofferenti definendomi molto preoccupata

Noemi, non devi scusarti, Carlo (bacca bianca) ha già detto quello che è anche il mio pensiero.
È invece molto bello che tu ti preoccupi per la condizione del tuo compagno e che vogliate andare a fondo.
Stagli vicino e supportalo, vedrete che, una volta inquadrata la patologia, troverete il modo di affrontarla al meglio ;)

Vi abbraccio

Luca68
« Ultima modifica: Agosto 17, 2020, 15:15:59 Lun da luca68 »
Luca Marchisio
CONSIGLIERE OUCH Italia (onlus)
Cell. +39348/9006208   e-mail  luca.m@ouchitalia.net

Offline ALEXGIUA

  • Staff OUCH
  • Super utente
  • ******
  • Post: 571
  • Vice Presidente OUCH Italia
Re:Mi presento: Noemi da Palermo
« Risposta #6 il: Agosto 17, 2020, 15:58:12 Lun »
Benvenuta Noemi, mi sembra davvero strano come dice Luca che oki e tachipirina fanno passare l'attacco al tuo fidanzato.
É molto più probabile che l'attacco svanisca in coincidenza dell'assunzione del farmaco.
Comunque andare da un bravo neurologo con diario è fondamentale soprattutto all'inizio.
Ciao a presto.

Alessandro Giua
Vice Presidente OUCH Italia (onlus)
cell.335-5465545