Autore Topic: Ma che caldo fa !?  (Letto 3159 volte)

Offline AlbertoC

  • Socio Ouch
  • Super utente
  • ******
  • Post: 733
Ma che caldo fa !?
« il: Luglio 06, 2015, 19:28:47 Lun »
Disse una volta un vecchio saggio (non sò chi fosse ma era vecchio e saggio):
"Nell'arco dell'anno tutti hanno la propria razione di fresco. Ai ricchi d'estate e ai poveri d'inverno"

Se è vero che i canali TRPV1 so aprono con il caldo, nei miei ci passano i tafani.

 ;D
Regards
AlbertoC
“La vita di un uomo si riduce sempre agli anni felici, essendo quelli infelici simili in qualche modo alla morte.”  (Goffredo Parise)

Offline oidualc

  • Nuovo utente
  • *
  • Post: 17
Re:Ma che caldo fa !?
« Risposta #1 il: Luglio 07, 2015, 15:07:37 Mar »
Alberto scusa .. ma i TRPV1.. ?  "generano treni di potenziali d’azione che si propagano lungo le fibre sensoriali afferenti"? ;)

Offline AlbertoC

  • Socio Ouch
  • Super utente
  • ******
  • Post: 733
Re:Ma che caldo fa !?
« Risposta #2 il: Luglio 08, 2015, 07:52:03 Mer »
Alberto scusa .. ma i TRPV1.. ?  "generano treni di potenziali d’azione che si propagano lungo le fibre sensoriali afferenti"? ;)
Tutti i recettori della famiglia TRP lo fanno.
Gli studiosi hanno anche decodificato buona parte di questi segnali.
Quello del TRPV1 dice-----> "Antò! Fa caldo"
quello del TRPM8-----------> "Brrrr Brancamenta"
Il TRPA1--------------------> "Erba buona!"
I segnali prodotti arrivano poi al coprocessore che, in base ad origine,ampiezza, frequenza e velocità, li pre-interpreta come segnali di pericolo o guduria.
Ad es.
Il segnale "Antò! Fa caldo", di ampiezza moderata, proveniente dalla regione inguinale ad una velocità di 2m/sec, viene interpretato dal coprocessore che decide la produzione massiccia di testosterone nei maschi o di 17β-estradiolo nelle femmine.

Il segnale "Antò! Fa caldo Antò! Fa caldo Antò! Fa caldo" sempre dall'inguine ad una velocita di 100m/sec viene interpretato come "c'è una brace nelle mutande"
;D
"Canale ionicoTRP1" sembra un arma di Goldrake!
 ;D
Regards
AlbrtoC
“La vita di un uomo si riduce sempre agli anni felici, essendo quelli infelici simili in qualche modo alla morte.”  (Goffredo Parise)