Autore Topic: Uso della psilocibina per la CH  (Letto 27700 volte)

Offline fabio.firenze

  • Socio Ouch
  • Nuovo utente
  • ******
  • Post: 24
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #15 il: Aprile 07, 2014, 20:38:59 Lun »
Un aspetto pratico/legale, in cui mi sono imbattuto, da non sottovalutare, una domanda che tutti si fanno: ma come faccio ad avere i funghi?
non si possono commerciare è reato!!!
in Ialia però, come per i semi di cannaibs, il commercio delle spore è libero, forse si trovano anche in qualche smart shop, ma internet pullula di siti che vendono per corrispondenza le spore e tutto il kit per coltivarseli completi di istruzioni e yuotube è pieno di tutorial per coltivarli; e fin qui è tutto assolutamente legale!!
La parte illegale è la messa a coltura e il possesso dei funghi, ma per quanto ne so, se ad uso personale, non dovrebbe essere reato, ma "solo" un' infrazione amministrativa con sanzioni abbastanza pesanti, ma niente di penale; in ogni caso così facendo il tutto resta confinato in casa propria.

Ultima nota economica: un kit completo con spedizione UPS a casa costa, su internet, poche decine di euro e può produrre funghi sufficienti per un anno ad un cronico come me. E chi lo racconta alle case farmaceutiche ?  :P :P :P

« Ultima modifica: Aprile 07, 2014, 20:46:47 Lun da fabio.firenze »

Offline ALEXGIUA

  • Staff OUCH
  • Super utente
  • ******
  • Post: 570
  • Vice Presidente OUCH Italia
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #16 il: Aprile 08, 2014, 12:56:38 Mar »
Avevo già pensato di venire, e penso proprio che verrò, ancora non so se solo la domenica o anche il sabato, ma verrò; ho già conosciuto alcuni di voi/noi, partecipai ad un meeting ad inizio 2011.
Felice di vederti sul forum trverai le date del meeting di maggio.

Alessandro Giua
Vice Presidente OUCH Italia (onlus)
cell.335-5465545
 

Offline siciliano

  • Moderatore
  • Utente sublime
  • ******
  • Post: 4.432
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #17 il: Aprile 08, 2014, 13:32:22 Mar »
Avevo già pensato di venire, e penso proprio che verrò, ancora non so se solo la domenica o anche il sabato, ma verrò; ho già conosciuto alcuni di voi/noi, partecipai ad un meeting ad inizio 2011.

mi ricordo benissimo
ti aspetto, il clima e sempre quello ;D
alessandro

Alessandro Anelli
OUCH Italia (onlus)
Moderatore Grappolaiuto
cell. 340/5530713  e.mail - alessandro@ouchitalia.net

Offline fabio.firenze

  • Socio Ouch
  • Nuovo utente
  • ******
  • Post: 24
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #18 il: Maggio 16, 2014, 02:39:37 Ven »
a fine aprile (puntuale alla scadenza dei tre mesi) sono cominciate avvisaglie di grappolo, attacchi "leggeri" notturni, poi + forti, sempre di notte, un solo attacco a notte. Sabato 3 giugno mi sono fatto una prima applicazione di 3 grammi di funghi; in quella settimana gli attacchi sono diventati + forti, uno a notte, poi ne ho avuti un paio anche la sera intorno alle 22/23; non avevo l'ossigeno, mi è costato un paio di imigran. Ho fatto una seconda applicazione di 3 grammi giovedi 8, la sera dopo un attacco molto violento nel pomeriggio. Poi venerdì pomeriggio ho avuto un attacco violentissimo in uffucio, è passato con mezzo imigran. La notte tra venerdì e sabato, la bestia mi ha massacrato, mi ha svegliato ben 4 volte dalle 3 e mezzo ogni ora, poi sempre sabato un altro attacco nel primo pomeriggio ed uno alle 10 di sera, sempre in casa e tutti abortiti con ossigeno prima che diventassero insopportabili. Da domenica ho cominciato a stare meglio, un solo attacco serale ed uno notturno, poi un solo attacco notturno lunedi ed uno martedi. ieri ho fatto comunque una terza applicazione di tre grammi di funghi secchi e sono ormai tornato in remissione, penso se ne riparli ad agosto.

Offline fabio.firenze

  • Socio Ouch
  • Nuovo utente
  • ******
  • Post: 24
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #19 il: Agosto 06, 2014, 00:22:27 Mer »
e siamo ad agosto 8) (almeno da calendario ??? )
a dire la verità, non sono riuscito a togliermi la bestia completamente di dosso, ma non mi sono scoraggiato, anzi, ho incrementato il numero delle applicazioni e il dosaggio, sono arrivato a 4 gr ogni settimana per 3 settimane di seguito.
Da circa un mese va meglio, ma anche a luglio ho fatto due applicazioni.
In ogni caso da maggio ho consumato una bombola di ossigeno, 7/8 pasticche di difmetre e mezzo imigran.
Adesso seguo questo metodo; se in una settimana la bestia si fa "viva"+ di due volte, il venerdì successivo passo la serata sul divano ad ascoltare musica con 3/4 gr di funghi secchi; se la bestia continua, io continuo il venerdì sera; se smette io smetto.
Inoltre, io continuo a cercare info sull'uso dei funghi e non riesco a trovare niente, ma proprio niente di negativo per la salute. trovo anzi altre applicazioni con successi altrettanto straordinari e sempre e solo qualità.
Sembra che esistano solo allarmi su potenziali rischi, ma poi danni reali, esperienze documentate, niente. zero assoluto.
Qualcuno ha info in tal senso?

Offline SfInGe

  • Moderatore
  • Super utente
  • ******
  • Post: 876
  • Una cosa bella è una gioia per sempre Keats
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #20 il: Agosto 18, 2014, 13:15:44 Lun »
...

Ciao Fabio non hai alternative..succede ai cronici e i tuoi sospetti sul dosaggio non sono da sottovalutare!
Per un chiarissimo quadro da CH attiva..viene da dire..cosa succede ai cronici? Semplice non hanno remissioni totali ma hanno un decremento del numero degli attacchi e un cambiamento nella loro potenza algica pur conservandone tutte le caratteristiche..
L'azione del sistema serotoninergico nel nostro cervello non è un mistero ma occorre anche considerare le sue vie di "trasmissione"
-* apparato gastrointestinale
-* sangue
-* SNC
ti scrivo ciò per sottolineare che si può entrare in una sorta di accumulo o se vogliamo riconoscimento da saturazione..il dosaggio massimo da quanto ho letto nelle storie del mondo dei grappolati è pari a 5 gr! Provare una simile assunzione ma solo per 2 applicazioni in 30 giorni poi penso tu sappia le tue reazioni personali..
Cosa vuoi che ti dica in merito ai danni che possono provocare? Certa è una cosa..la loro assunzione non deve sposarsi con altri farmaci che agiscono sul SNC o apparato cardiocircolatorio..ma non è il tuo caso..
Vorrei anche precisare che l'assunzione di alcool o droghe leggere può variare come di molto o poco ( soggettività) le reazioni di sensibilità..
Danni fisici no nessuna prova scritta certa ma...non siamo professionisti ed abbiamo accesso a docuenti o tesine che vadano ad indagare e discutere casi simili, non siamo santi da prospettare tutto un campo di rose e di fiori..ci sono possibili complicazioni comportamentali..ansia e panico come esiste una porta bella e spalancata!
Ti abbraccio
Maria

Maria Covelli
Referente Regione Puglia OUCH Italia (onlus)
Moderatore grappolaiuto
Cell.329.1644702 e-mail  maria.c@ouchitalia.net

Offline fabio.firenze

  • Socio Ouch
  • Nuovo utente
  • ******
  • Post: 24
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #21 il: Settembre 30, 2014, 00:24:47 Mar »
spero che questo sia il mio ultimo post in questo 3D, ho iniziato la dieta chetogenica ed erano mesi che non stavo così bene, è ancora presto, ma avendo abbandonato i funghi mi aspettavo di peggiorare, invece sono migliorato fino ad una remissione, al momento completa, vediamo se dura. Se dura vi tengo aggiornati sul recente 3D della "chetogenesi"

Offline Luca 73

  • Amministratore
  • Utente sublime
  • ******
  • Post: 3.621
  • Chi trova l' O.U.C.H. trova un tesoro
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #22 il: Settembre 30, 2014, 07:38:45 Mar »
Grazie Fabio
Felicissimo della tua remissione, tienici aggiornati e in bocca al lupo
 ;) ;) ;)

Luca Bonventre
Presidente OUCH Italia (onlus)
Amministratore Grappolaiuto
Cel. 334-3420475   e-mail  luca.b@ouchitalia.net

Offline FABRYFIBRA

  • Utente junior
  • **
  • Post: 73
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #23 il: Novembre 21, 2014, 16:22:17 Ven »
Ciao ragazzi,

Dopo 5 anni di totale e completa remissione, la CH è tornata, nonostante applicazioni di semi.
Ho scoperto di recente che principio attivo dei semi dura 7-9 mesi da loro raccolta, poi velocemente decade.
Spero possa servire ad altri. Lunedì comincio la dieta chetogenica...Pregate per me..ho già tagliato i carbo...allucinazioni da pasta e pizza...vi tengo informati!
Ciaoo

Fabrizio

Offline Dado

  • Nuovo utente
  • *
  • Post: 40
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #24 il: Febbraio 28, 2016, 19:57:44 Dom »
Ciao a tutti , cronico quale sono , sto valutando più ipotesi per garantirmi qualche mese di sollievo dalla bestiaccia, la prima è un intervento di RFP, del quale sto cercando di capire se a Torino ce qualcuno che me lo può fare ed i relativi pro e contro. Secondo è l'uso di psilocobina, per la quale ho intuito che ti puoi far spedire le spore o andare ad Amsterdam o a Londra per trovarli un Po ovunque, domanda......i funghetti che trovo a lLondra sono gli stessi di Amsterdam, per chi ne ha fatto uso .......presumo che in relazione alla tipologia di fungo cambi il dosaggio......qualcuno può darmi qualche dritta al.fine di comprendere meglio ? Anticipatamente ringrazio. Daniele

Offline Mauro149

  • Socio Ouch
  • Nuovo utente
  • ******
  • Post: 43
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #25 il: Aprile 21, 2016, 14:40:25 Gio »
Ciao a tutti , cronico quale sono , sto valutando più ipotesi per garantirmi qualche mese di sollievo dalla bestiaccia, la prima è un intervento di RFP, del quale sto cercando di capire se a Torino ce qualcuno che me lo può fare ed i relativi pro e contro. Secondo è l'uso di psilocobina, per la quale ho intuito che ti puoi far spedire le spore o andare ad Amsterdam o a Londra per trovarli un Po ovunque, domanda......i funghetti che trovo a lLondra sono gli stessi di Amsterdam, per chi ne ha fatto uso .......presumo che in relazione alla tipologia di fungo cambi il dosaggio......qualcuno può darmi qualche dritta al.fine di comprendere meglio ? Anticipatamente ringrazio. Daniele

Da quel che so io, in Inghilterra è commerciabile legalmente solo l'Amanita Muscaria (la trovi anche qua in campagna), che NON contiene psilocibina ma muscarina.

Offline luca68

  • Amministratore
  • Utente beato
  • ******
  • Post: 1.888
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #26 il: Aprile 21, 2016, 15:01:43 Gio »
Mauro, ti pregherei di non dare indicazioni delle quali non si conoscono con certezza tutti i dettagli.
L'amanita muscaria è un fungo altamente velenoso. Può avere effetti molto dannosi sull'organismo.
Ouch Italia consiglia coloro i quali abbiano intenzione di curarsi con terapie alternative, di informarsi più dettagliatamente.
Ci sono tonnellate di documentazioni nel web.
Questo il sito di riferimento per chi volesse approfondire :
https://clusterbusters.org/

Inoltre, tra i nostri soci abbiamo molti sofferenti che hanno provato queste terapie e che sono lieti di mettere la loro esperienza al servizio di chi volesse approfondire privatamente, proprio per non alimentare una mal informazione che potrebbe mettere a rischio la salute di chi, incautamente, si mettesse a provare cure "fai da te".

 Grazie
« Ultima modifica: Aprile 21, 2016, 15:04:17 Gio da luca68 »
Luca Marchisio
CONSIGLIERE OUCH Italia (onlus)
Cell. +39348/9006208   e-mail  luca.m@ouchitalia.net

Offline Luca 73

  • Amministratore
  • Utente sublime
  • ******
  • Post: 3.621
  • Chi trova l' O.U.C.H. trova un tesoro
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #27 il: Aprile 21, 2016, 15:41:56 Gio »
Mauro, ti pregherei di non dare indicazioni delle quali non si conoscono con certezza tutti i dettagli.
L'amanita muscaria è un fungo altamente velenoso. Può avere effetti molto dannosi sull'organismo.
Ouch Italia consiglia coloro i quali abbiano intenzione di curarsi con terapie alternative, di informarsi più dettagliatamente.
Ci sono tonnellate di documentazioni nel web.
Questo il sito di riferimento per chi volesse approfondire :
https://clusterbusters.org/

Inoltre, tra i nostri soci abbiamo molti sofferenti che hanno provato queste terapie e che sono lieti di mettere la loro esperienza al servizio di chi volesse approfondire privatamente, proprio per non alimentare una mal informazione che potrebbe mettere a rischio la salute di chi, incautamente, si mettesse a provare cure "fai da te".

 Grazie

Mauro, attenzione a quello che si scrive, non diamo assolutamente informazioni approssimative o per sentito dire, si potrebbe, anche se in buona fede creare confusione e fare danni.

Luca Bonventre
Presidente OUCH Italia (onlus)
Amministratore Grappolaiuto
Cel. 334-3420475   e-mail  luca.b@ouchitalia.net

Offline Mauro149

  • Socio Ouch
  • Nuovo utente
  • ******
  • Post: 43
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #28 il: Aprile 21, 2016, 19:47:59 Gio »
Avete ragione ragazzi, mi riferisco all'ultima volta che li ho visti negli smartshop a Londra, qualche anno fa. Nel frattempo non so se siano cambiate le leggi.
Però era di sicuro Amanita Muscaria, che contiene muscarina che è una sostanza psichedelica ma NON è utile per la CH. Non consiglierei a nessuno di provarla.

Ora racconto, in maniera più precisa, la mia esperienza con la psilocibina.

PREMESSA
Ho scelto di provare questa soluzione per la CH, tra varie altre, data la mia ampia conoscenza ed esperienza con sostanze psichedeliche.
Tuttavia, per me ogni esperienza psichedelica ha sempre avuto una grande preparazione ed è stata fatta in contesti ottimali, a livello fisico e mentale. Serenità, compagnia di amici fidati, luogo naturale, vacanza, e via dicendo. Non ho mai utilizzato sostanze psichedeliche più di 2 volte l'anno.
Proprio perché mi interessava solo l'effetto sulla CH e non gli effetti psichedelici, ho voluto dapprima provare se la sostanza funzionava a dosaggi sub-psichedelici. Un grappolo, il divano di casa mia, un periodo lavorativo intenso...non sono per me condizioni ottimali per poter viaggiare.
Ho sempre escluso altri farmaci, compresa la profilassi.

FUNGHI
Li ho coltivati io, erano Psilocybe Cubensis varietà "Cambogiana". Dalle tabelle di ricerca sui principi attivi dei funghi che ho trovato e un bilancino di alta precisione, ho stimato il quantitativo di principio attivo nelle varie dosi che ho provato. Ho sempre annotato tutto, numero ed ora degli attacchi. Quindi tutto abbastanza precisino.

TENTATIVO 1: DOSI SUB-PSICHEDELICHE
QUANTITÁ: Assumevo 0.1-0.25 grammi di funghi secchi ad ogni attacco, aumentando di 0.05g la dose ogni volta che verificavo che non fosse sufficiente (ancora dolore dopo 45 minuti). Chiaramente essere a stomaco pieno o vuoto cambia, per cui le volte che avevo mangiato da meno di 2 ore sentivo meno l'effetto.
ANDAMENTO: Bene per 2 settimane, con remissioni tra un attacco e l'altro più lunghe che col Verapamil (i grappoli precedenti al Verapamil non li ho mai annotati), ma dopo due settimane aumento improvviso degli attacchi in pochi giorni, che si stabilizzano ai soliti 4-6 al giorno.
Decido di smettere dopo la quarta dose consecutiva in 24 ore da 0.25g, perché noto che le luci del cruscotto della macchina del mio amico danzano, e riconosco il cambiamento nello stato di coscienza tipico del fungo. Come già detto, non era mio interesse scollinare nella psichedelia né intossicarmi (nonostante in tutto avessi mangiato non più di 4 grammi in 15gg), quindi abbandono.

TENTATIVO 2: METODO CLUSTERBUSTERS (grappolo successivo)
QUANTITÁ: Dopo un leggerissimo attacco shadow che mi coglie impreparato, aspetto il secondo, sono a casa quando arriva, prendo 1,5g di funghi secchi, mi imbarco in un lungo e tutto sommato piacevole viaggio sciamanico ricco di visioni a occhi chiusi, torno del tutto dopo 6 ore. Da quel momento in poi, non essendo riuscito a spezzare il grappolo, e non avendo la possibilità di fare altri viaggioni in serenità, ritorno a usare dosi sub-psichedeliche.
ANDAMENTO: Dopo il trip iniziale, remissione di 4 giorni (contro i 2 soliti). Bene per i 15 giorni seguenti, ma un aumento degli attacchi simile al primo tentativo mi spinge ad abbandonare nuovamente, dato che per vincere il dolore svirgolo e inizio nuovamente a sentire gli effetti sulla psiche (0.2 + 0.2g nel giro di un'ora, il muro del bagno ribolle e mi sento filosofo), non spiacevole ma di sicuro non quello che cercavo, in più seguono altri attacchi.

TENTATIVO 3: UTILIZZO DI EMERGENZA (ancora adesso, ogni tanto)
Da quando uso l'ossigeno, e sono in situazioni dove non posso portarmelo dietro, quando mi coglie un attacco mangio una dose sub-psichedelica di funghi (al posto dell'Imigran). Il dolore passa sempre, a parte durante il periodo centrale, in cui si limita a diminuire, e la pausa fino al prossimo attacco è molto lunga in confronto all'Imigran (in media il doppio). Succede piuttosto raramente, visto che da quando uso ossigeno il 90% degli attacchi arriva di notte, e negli altri momenti ho la bombola a lavoro.

MEDICI E CONSOCENZA
Purtroppo la maggior parte degli specialisti che ho visto negli anni erano incompetenti e mi mandavano a stendere con scetticismo e sarcasmo già per l'ossigeno, per cui non ho mai nemmeno tentato di sollevare l'argomento. L'unico più disponibile degli altri mi ha detto "Beh, non mi sembra proprio il caso di darsi alle droghe pesanti", al che ho chiuso l'argomento.
Il poco che so sull'interazione psilocibina-CH l'ho imparata su Internet.

CONCLUSIONE PERSONALE
Nonostante abbia funzionato piuttosto bene, più come cura d'emergenza che come profilassi, il metodo "solo psilocibina" non fa per me: dosi più alte di 1,5g (se i funghi sono di buona qualità, e i miei erano eccezionalmente forti) sono piuttosto eroiche, e portano ad esperienze intense che non mi va di improvvisare. Fare tre o quattro viaggi nel corso di un mese per me è troppo, non mi interessa.
Sarebbe figo capire se un giorno riescono a sviluppare una molecola che funzioni similarmente ma senza gli effetti psichedelici.

Offline SfInGe

  • Moderatore
  • Super utente
  • ******
  • Post: 876
  • Una cosa bella è una gioia per sempre Keats
Re:Uso della psilocibina per la CH
« Risposta #29 il: Aprile 21, 2016, 21:22:23 Gio »
Avete ragione ragazzi, mi riferisco all'ultima volta che li ho visti negli smartshop a Londra, qualche anno fa. Nel frattempo non so se siano cambiate le leggi.
Però era di sicuro Amanita Muscaria, che contiene muscarina che è una sostanza psichedelica ma NON è utile per la CH. Non consiglierei a nessuno di provarla.

Premesse potrei farne alcune ma mi fermo alle più salienti. Dalle mie precedenti ricerche ecco quanto segue:

Da questo fungo sono state isolati diversi principi attivi:
– muscarina, un alcaloide; è presente in piccole dosi ed è responsabile dei sintomi di nausea, vomito e visione offuscata;
– atropina, un tropan-alcaloide, presente in molte piante;
– bufotenina, veleno contenuto nel secreto di alcune ghiandole di rospi.
– acido ibotenico, muscimolo e muscazone, le sostanze chimiche responsabili degli effetti allucinogeni.

La specie Amanita muscaria è responsabile della sindrome panterinica o atropinica, una sindrome precoce a prevalente impronta neuro-tossica e psicotropa. Queste ultime tipologie sono caratterizzate da un breve periodo di incubazione che generalmente è compreso tra 30 e 90 minuti. Nella sindrome panterinica o atropinica prevalgono i segni dell’azione atropinica rispetto a quelli muscarinici. Sono interessati il sistema nervoso centrale e neurovegetativo. Dolori addominali, sudorazione e stipsi possono aprire il quadro clinico che trova però la sua più frequente fisionomia nella ipereccitabilità psichica, negli episodi convulsivi e nelle manifestazioni deliranti visive. Sintomo importante e discriminativo, segno di prevalenza atropinica, è la midriasi (dilatazione della pupilla).
La terapia deve inizialmente tener conto della possibilità di eseguire la lavanda gastrica, qualora l’ingestione sia avvenuta da breve tempo. Conviene ristabilire l’alterato equilibrio idro-salino con perfusioni di soluzioni elettrolitiche associate a fleboclisi glucosate o di levulosio con aggiunta di cortisonici.

E’ bene ricordare il contenuto di sostanze tossiche (e non si tratta di piccole differenze) presenti in una determinata specie fungina varia da territorio a territorio, da raccolta a raccolta e persino nella medesima raccolta, varia da soggetto a soggetto nati dallo stesso micelio secondario. Questo forse spiega bene perché esistono abitudini alimentari cosi diverse nel mondo e perché contestualmente esistono episodi di avvelenamento con esito letale o con l’instaurarsi di stati di coma irreversibile. Questa grande variabilità non consente mai di pronosticare gli effetti dovuti al consumo o all’uso di un fungo velenoso, il quale anche se trattato in conformità ad usanze culturali locali secolari, può sempre trasformarsi in un killer spietato. La legge in Italia considera velenosa Amanita muscaria e quindi questo problema per il nostro paese non si pone. Quanto all’uso come sostanza stupefacente oltre ad essere illegale, si ricorda che può indurre in coma e morte da overdose non preventivamente ipotizzabile e quindi controllabile.

Mi fermo qua nn entrando in ulteriori dettagli altrimenti mi viene fuori un papello..ma credo di aver dato l'idea che non è la strada per superare il nostro dolore infatti non viene usata per il dolore.. è un percorso da trip per essere chiari e se va bene il dosaggio è basso o ritardato come per altri allucinogeni in commercio da strada e non..se va male qualche volta diventa un bad trip o con alterazioni tardive.
Le uniche sostanze capaci per esperienza di chi disperato e cronico e farmacoresistente ha riportato sono la psilocibina e psilocina se parliamo di funghi magici.

Applicazioni legali a parte noi siamo favorevoli alla battaglia per sconfiggere il dolore ed avere una vita dignitosa con vie che abbiano certezze di non danno e tossicità..altro discorso sono le scelte personali.

Maria

Maria Covelli
Referente Regione Puglia OUCH Italia (onlus)
Moderatore grappolaiuto
Cell.329.1644702 e-mail  maria.c@ouchitalia.net