Autore Topic: Buongiorno  (Letto 109 volte)

Offline EFFESANTINI

  • Nuovo utente
  • *
  • Post: 2
Buongiorno
« il: Settembre 25, 2019, 13:23:31 Mer »
Buongiorno a tutti. Mi chiamo Federica Santini e vivo a Rivergaro (PC). Mi è stato consigliato il vs forum da un'amica. Premetto che non soffro di cefalea a grappolo, o almeno così non è stata diagnosticata all'Istituto Mondino di Pavia al quale mi sono rivolta a maggio 2017. Ho sempre sofferto sin da bambina di cefaea ed emocrania, che ho curato con fisioterapia, agopuntura e altre cure naturali; negli anni ho quasi annullato gli attacchi, tranne che nei periodi di forte tensione emotiva.
Ho 44 anni e purtroppo da 4 anni soffro di cefalea catameniale invalidante, che mi riduce a letto con dolori atroci, nausea, vomito e diarrea. Gli attacchi, inizialmente limitati ai 2 gg successivi alla fine del ciclo mestruale, si sono intensificati negli anni e si presentano adesso con cadenza regolare sempre il giorno prima dell'inizio del ciclo, i 2 gg successivi alla fine del ciclo e il 18°-20° giorno di ciclo. I normali analgesici non funzionano più (tachicaf, tachidol, optalidon, nurofen...) e adesso prendo le compresse di difmetrè; il medico di base mi ha suggerito di prendere almogran o maxalt, che mi ha prescritto. Il Mondino di Pavia, dopo la visita nel 2017, mi ha liquidata mandandomi da un ginecologo. Fatta la visita da tre diversi ginecologi, mi hanno tutti suggerito di "eliminare" il ciclo mestruale, e quindi gli sbalzi ormonali ad esso legati, causa degli attacchi, prescrivendomi pillola a base di progesterone. Ne ho provate due (Azalia e Visanne), ma entrambe dopo circa due settimane mi provocano crisi terribili di emicrania che mi hanno indotta a sospenderne l'uso.
Ora vorrei provare a tornare al Mondino, ma non è che mi sia trovata tanto bene... Vorrei riuscire a trovare una soluzione a questo problema prima della menopausa, se effettivamente si tratta di cefalea catameniale, oppure provare con l'ossigeno terapia (al pronto soccorso, dove ogni tanto finisco, me lo hanno somministrato diverse volte). Non mi sono mai stati prescritti specifici esami ormonali da nessun ginecologo.
Qualcuno si sente di suggerirmi a quale centro rivolgermi? Io trovato che a Torino il S. Anna dispone di un centro cefalee per la donna... è valido?
Grazie dell'aiuto.
Buona giornata a tutti.
Federica

Offline SfInGe

  • Moderatore
  • Super utente
  • ******
  • Post: 850
  • Una cosa bella è una gioia per sempre Keats
Re:Buongiorno
« Risposta #1 il: Settembre 25, 2019, 16:10:54 Mer »
...

Ciao Federica! L'emi catameniale é la peste del mondo emicranico. Il coinvolgimento ormonale la rende resistente alle terapie di profilassi ed ai comuni analgesici. Hai già provato i percorsi obbligatori col ginecologo che a dirla tutta dovrebbe consultarsi col neuro, bisogna lavorare assieme ma é un pensiero mio. La progestinica non funziona su tutte eh si alcune peggiorano ma altre no, su alcune funziona l'estroprogestinica..
Assumere magnesio pidolato aiuta,  l'agnocasto aiuta ma la terapia è lunga, l'acido alfa lipoico stesso discorso. Puoi provare su prescrizione altri triptani con la consapevolezza che allevierà il dolore ma almeno hai maggiore autonomia. Ho amiche nella tua stessa situazione. Uno strazio
Hai ricevuto indicazioni in pvt su di un centro é una via da seguire assolutamente.
Ti abbraccio
Siamo qui se hai bisogno
Maria

Maria Covelli
Referente Regione Puglia OUCH Italia (onlus)
Moderatore grappolaiuto
Cell.329.1644702 e-mail  maria.c@ouchitalia.net

Offline EFFESANTINI

  • Nuovo utente
  • *
  • Post: 2
Re:Buongiorno
« Risposta #2 il: Settembre 26, 2019, 13:00:21 Gio »
Grazie, Maria.
Purtroppo, nessuno dei ginecologi a cui mi sono rivolta ha minimamente pensato di consultare il neurologo che mi aveva visitata. La facilità con cui prescrivono il progesterone e fine è imbarazzante. Non lo prenderò una terza volta perché mi fa stare troppo male; si vede che la strada è un'altra.
Preso nota della mail pvt che mi è arrivata, grazie.
Ho provato con l'omeopatia, ma non ho ottenuto risultati. Zero assoluto. Dell'agnocasto nessuno mi ha parlato, ma poi ognuno ha le proprie teorie e le proprie terapie...
Intanto, grazie davvero per la gentile risposta.
Un saluto.
Federica