Autore Topic: escolzia  (Letto 577 volte)

Offline Giuseppe Marrocco

  • Nuovo utente
  • *
  • Post: 19
escolzia
« il: Maggio 25, 2018, 19:07:50 Ven »
Buon pomeriggio sono giuseppe do una breve storia io soffro della bestia dall'età di 7 anni né ho 60 fate un po i conti malgrado ciò mi sento fortunato poichè le mie crisi sono annuali o biennali e durano dai 30 ai 40 giorni avvelenandomi con il sumatriptan e come sappiamo non esiste una cura, ma se vi può essere di aiuto di recente per tutto il periodo ho utilizzato un integratore escolzia utilizzando due compresse al giorno mattina e sera prima di coricarmi le mie crisi ci sono sempre con  questa copertura gli attacchi sono meno frequenti  ci sono stati dei  vistosi miglioramenti dalle 4 punture nell'arco di 24 h e alle compresse da 100 mg, sono passato solo ad attacchi notturni da uno a due attacchi mentre di giorno dai 100 mg di sumatriptan a 50 mg io vi dico provatelo vi do una scheda delle sue proprietà:
 Proprietà dell'escolzia
Le parti aeree dell’escolzia (stelo, il fiore) contengono alcaloidi (0,5%) fitosteroli, carotenoidi e flavonoidi che conferiscono alla pianta proprietà sedative e ipnoinducenti (che favoriscono il sonno). Gli alcaloidi agiscono da un lato sull’attività cardiaca, abbassandone la pressione; dall’altro sul sistema nervoso centrale, riducendo l'attività delle cellule della corteccia cerebrale, in quanto inducono il rilassamento muscolare e stimolano il sonno. L’azione della pianta diminuisce il periodo dell'addormentamento e produce il mantenimento di una buona qualità del sonno, lungo tutta la notte evitando risvegli improvvisi.

L'azione è dovuta alla presenza di alcaloidi (benzilisochinolinici e benzofenantridinici) e in generale al fitocomplesso, ovvero l'insieme dei principi attivi, tra i quali spicca la protopina. L’impiego dell’escolzia è quindi indicato in caso ansia, stress, disturbi del sonno (insonnia, risvegli notturni), disturbi psicosomatici, irritabilità, flessione dell'umore, dolori di natura psichica, nervosismo.

La pianta ha anche un'azione antispasmodica e analgesica, dovuta alla presenza della chelidonia, che agisce come spasmolitico soprattutto al livello del sistema gastroenterico; è utile nei crampi notturni (i flavonoidi migliorano anche la circolazione del microcircolo), sindromi dolorose, mal di testa, spasmi colici e biliari, tosse (come calmante) e distonia neurovegetativa.

VE LO CONSIGLIO CALDAMENTE

Offline Bacca bianca

  • Socio Ouch
  • Utente esperto
  • ******
  • Post: 308
  • ...e infine uscimmo a riveder le stelle
Re:escolzia
« Risposta #1 il: Maggio 26, 2018, 09:58:30 Sab »
Giueseppe,le testimonianze sono sempre preziose e ti ringrazio per quello che hai scritto. Sarebbe utile sapere che tipo di preparato hai assunto dal momento che in commercio ci sono molti integratori a base di escolzia.Non so se si possono fare nomi di produttori qui ma chi  fosse interessato penso può contattarti.  Quando si tratta di provare terapie non invasive e facilmente raggiungibili è più facile farlo. Poi,per capire se veramente funzionano,con una patologia così bizzarra come la ch bisognerebbe farlo in tanti e nello stesso modo. Da anni non prendo farmaci ma ogni grappolo non è uguale ad un altro, per me. Se avessi provato qualcosa,per esempio,a gennaio dell'anno scorso avrei sicuramente pensato ad un miglioramento,visto la durata e il numero di crisi. Invece non ho fatto assolutamente nulla. Bisognerebbe potersi sdoppiare e nello stesso periodo provare entrambe le condizioni,cioè senza e con terapia. Purtroppo non è possibile e a volte,come nel mio caso,ripetere la prova il grappolo successivo può essere ingannevole. Per questo motivo gli studi chiusi fatti in doppio cieco godono della massima credibilità possibile,specialmente se il numero di pazienti è molto alto. Con questo non voglio mettere in dubbio le tue affermazioni,dico solamente che essendo la malattia variabile nel tempo è difficile avere certezze. Solo riprovando ancora,per molte volte,in tante persone si possono trarre conclusioni. Non è facile perché poi tutti noi abbiamo le nostre idee sulla ch...Quello che è importante comunque è che tu hai avuto beneficio.lo scopo è questo. Facci sapere come procede. Un salutone.
Carlo Toscan
ginmao@libero.it

Offline Giuseppe Marrocco

  • Nuovo utente
  • *
  • Post: 19
Re:escolzia
« Risposta #2 il: Maggio 26, 2018, 19:04:59 Sab »
voglio precisare che queste compresse di escolzia le ho prese due anni fa in piena crisi dopo una settimana di somministrazione mattina e sera notavo che le compresse da 100 mg e le punture facevano effetto quasi immediatamente quest'anno ai primi sintomi iniziati fine aprile incominciai immediatamente e dopo due settimane di crisi più o meno forti sono rallentate notevolmente ed ora non ho più crisi da 5 giorni e sto continuando a prenderle sono 50 capsule, insomma dei 30 40 giorni si sono ridotti più o meno a 20 giorni, hai ragione nel dire che per ognuno di noi varia, ma la bestia e sempre quella e a me delle compresse ha incuriosito il fatto che ha una azione analgesica ed è utile nei mal di testa ho detto è un integratore che male mi può fare poi costa pure poco proviamolo e meno male che l'ho fatto credetemi mi ha dato un beneficio in generale, non sto gridando al miracolo, ma dopo averlo preso a distanza di due anni ho visto che il beneficio ci è stato. Gli ingredienti della scatola che io ho sono: Eschoscholtzia Californica Chan, parti aeree della pianta (sommita fiore) estratto secco 0,20% Protopina.  Antiagglomeranti: Cellulosa microcristallina, Sale di Magnesio degli acidi grassi. Opercolo in gelatina alimentare. Colorante: Titanio biossido E 171.

Offline SfInGe

  • Moderatore
  • Super utente
  • ******
  • Post: 842
  • Una cosa bella è una gioia per sempre Keats
Re:escolzia
« Risposta #3 il: Maggio 28, 2018, 15:53:18 Lun »
: Eschoscholtzia Californica Chan, parti aeree della pianta (sommita fiore) estratto secco 0,20% Protopina.  Antiagglomeranti: Cellulosa microcristallina, Sale di Magnesio degli acidi grassi. Opercolo in gelatina alimentare. Colorante: Titanio biossido E 171.

Ciao Giuseppe! Grazie per la condivisione.
Conosco l'escolzia più per nozione che per applicazione e l'ho assunta pure ma non come la tua definiamola concentrata bensì sempre abbinata ad altri integratori quindi un complex.
Ho avuto maggiori benefici ma non ho solo la CH da gestire con l'acetil carnitina però non nascondo il mio entusiamo su quelle che sono le nostre reazioni ad alcuni composti. Il benessere o anche il sollievo è un atto dovuto a noi stessi.
Tienici aggiornati
Maria

Maria Covelli
Referente Regione Puglia OUCH Italia (onlus)
Moderatore grappolaiuto
Cell.329.1644702 e-mail  maria.c@ouchitalia.net

Offline Giuseppe Marrocco

  • Nuovo utente
  • *
  • Post: 19
Re:escolzia
« Risposta #4 il: Maggio 29, 2018, 14:33:14 Mar »
ciao Maria
come ho detto in precedenza ho cominciato a prendere l'escolzia perché mi aveva incuriosito il fatto che era analgesico e per il mal di testa poi leggendo attentamente le sue proprietà che vado a riscrivere:
 Le parti aeree dell’escolzia (stelo, il fiore) contengono alcaloidi (0,5%) fitosteroli, carotenoidi e flavonoidi che conferiscono alla pianta proprietà sedative e ipnoinducenti (che favoriscono il sonno). Gli alcaloidi agiscono da un lato sull’attività cardiaca, abbassandone la pressione; dall’altro sul sistema nervoso centrale, riducendo l'attività delle cellule della corteccia cerebrale, in quanto inducono il rilassamento muscolare e stimolano il sonno. L’azione della pianta diminuisce il periodo dell'addormentamento e produce il mantenimento di una buona qualità del sonno, lungo tutta la notte evitando risvegli improvvisi.
ho dedotto che aveva delle proprietà anche betabloccanti che agiscono sull'attività cardiaca abbassandone la pressione e di questo io nei tempi andati avevo preso l'isoptin che mi dava sollievo all'inizio ma rischiavo di avvelenare altro e dopo che staccavo avevo ricadute più violente  poi per poter riposare prendevo dei psicofarmaci con rischio di avere dipendenza
a farla breve quando li ho presi ora verso fine aprile 2018 per 2 compresse al giorno mattina e sera ho avuto sempre gli attacchi e nella mia piena crisi dopo la seconda settimana erano solo notturne arrivando a fare dalle 2 o 3 punture di sumatrpitan e durante il giorno invece riuscivo a combattere al nascere della crisi con solo 50 mg di compresse e facevano effetto quasi immediatamente NON STO GRIDANDO AL MIRACOLO ma solamente che l'assiduità di averle prese ad oggi non ho più crisi le prendo solo la notte per precauzione ad ultimare lo scatolo.
E poi come ho scritto in precedenza: L'azione è dovuta alla presenza di alcaloidi (benzilisochinolinici e benzofenantridinici) e in generale al fitocomplesso, ovvero l'insieme dei principi attivi, tra i quali spicca la protopina. L’impiego dell’escolzia è quindi indicato in caso ansia, stress, disturbi del sonno (insonnia, risvegli notturni), disturbi psicosomatici, irritabilità, flessione dell'umore, dolori di natura psichica, nervosismo.
sono degli integratori non hanno controindicazioni costano poco, io nei miei 53 anni di cefalea a grappolo mi sono avvelenato con tanti prodotti, che non sto ad elencare, consigliati da vari neurologi, credetemi potete essere scettici quanto volete e pensare quello che ho pensato io, cura non c'è ne i farmaci non mi fanno niente questo integratore cosa potrà fare?  a me stesso dico meno male che l'ho fatto ripeto le crisi mi sono venute lo stesso ma le ho superate facilmente e senza lo stress del dopo dolore, vi consiglio di provarlo quanto meno lo potete vedere e testare 
Un salutone un abraccio

Offline ALEXGIUA

  • Staff OUCH
  • Super utente
  • ******
  • Post: 562
  • Vice Presidente OUCH Italia
Re:escolzia
« Risposta #5 il: Maggio 29, 2018, 19:17:05 Mar »
Ciao Giuseppe ho letto attentamente il tuo post.
Grazie di averci reso partecipi della tua esperienza.
Aggiornaci.
« Ultima modifica: Maggio 31, 2018, 13:37:57 Gio da ALEXGIUA »

Alessandro Giua
Vice Presidente OUCH Italia (onlus)
cell.335-5465545
 

Offline Giuseppe Marrocco

  • Nuovo utente
  • *
  • Post: 19
Re:escolzia
« Risposta #6 il: Maggio 30, 2018, 19:56:03 Mer »
riecchime buona giornata
non vorrei essere frainteso sul consiglio di prendere l'escolzia, chi vi scrive ha sofferto della bestia dall'età di 7 anni e solo dopo 23 anni mi hanno diagnosticato la cefalea a grappolo ed hanno allargato le braccia ora nè ho 60 negli attacchi prendo regolarmente come antidolorifico il sumatriptan e sappiamo bene che a volte fa effetto e a volte no lo sconforto il sentirsi schiavo della malattia ha rischiato di farmi crollare e da lì è cominciato il mio calvario a seguire moltissimi medici dandomi di tutto con il rischio di fregarmi la salute definitivamente. L'escolzia l'ho scoperta per caso due anni fa, consigliatami, tra il pessimismo ed il scetticismo l'ho provata dopo 15 gg di crisi, i miglioramenti di cui parlo sono riferiti alla sopportazione della soglia del dolore, ho notato dopo 25 compresse mattina e sera che le punture ed le compresse agivano efficacemente ma la mia crisi è durata puntualmente 35 gg quest'anno a distanza di due anni ai primi sintomi ho subito iniziato i benefici li ho visti quasi subito, però è anche vero che così non posso assicurare che le prossime crisi li possa superare nella stessa maniera e dire che mi hanno aiutato fra due anni quando ritornerà la bestia vi saprò dire  ;D ma almeno ora sono consapevole di riprovare questo integratore e spero tanto di ridire le stesse cose. Comunque provare non costa niente nella peggiore delle ipotesi da una calma superiore per poter affrontare la bestia. Un caloroso abbraccio a tutti voi
PS: ora le prendo solo la sera poichè danno sonnolenza